Risotto al nero di seppia con gambero cotto e crudo
Primi di mare Primi piatti Risi Risotti

Risotto al nero di seppia con gamberi cotti e crudi

Questo risotto al nero di seppia con gamberi cotti e crudi è per chi ama sapori insoliti e complessi: l’aspro del lime, il sapido del nero di seppia e della salicornia, il piccante dello zenzero, la dolcezza dei gamberi, le differenti consistenze del gambero cotto e crudo… Le preparazioni per completare la ricetta sono alla portata di tutti, e le cotture sono molto rapide e veloci. Potrete tranquillamente preparare tutto nel tempo che bolle il brodo e si cuoce il riso. Inoltre si tratta di un piatto leggero, con un buon apporto di proteine e nutrienti. Avete bisogno di altre scuse per prepararlo?! Si sente il profumo del mare ed è buonissimo! 😋

Ingredienti per 2 persone:

  • 140 g di riso carnaroli
  • due bustine di nero di seppia
  • 10 gamberoni
  • 2 o 3 calamari
  • salicornia q.b.
  • succo di lime q.b.
  • Per il brodo: zenzero, sedano, carota e cipolla
  • vino bianco secco q.b.
  • una noce di burro fredda
  • olio q.b.
  • sale q.b.

Preparazione

  1. Sgusciate i gamberoni, puliteli eliminando le interiora, sciacquateli, tenetene 2 da parte, tritate il resto grossolanamente a cubetti e metteteli a marinare con un pizzico di sale, olio, e succo di lime;
  2. Preparate un brodo facendo bollire un pezzetto di zenzero, una costa di sedano, una cipolla e una carota;
  3. In una padella tostate a secco il riso, salatelo, sfumatelo col vino bianco e aggiungete un mestolo alla volta il brodo, aspettato che il precedente venga assorbito;
  4. Lavate la salicornia e sbollentatela 2 minuti in acqua bollente;
  5. contemporaneamente scottate i ciuffi di calamari (tentacoli) in una pentola con un filo d’olio, sfumateli col vino bianco e portate a termine la cottura per 3-4 minuti;
  6. Scottate i gamberi tenuti da parte in una padella con un filo d’olio;
  7. Aggiungete il nero di seppia al riso gli ultimi due minuti. Spegnete la fiamma, mantecate col burro freddo,
  8. quindi impiattate guarnendo con una quenelle fatta col gambero crudo marinato, il gambero scottato sopra, ed intorno la salicornia ed i tentacoli del calamaro.

La Betta consiglia: Fiano di Avellino Ciro Picariello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *