Autunno Feste & Ricorrenze Gourmet Pasta Fresca Pasta Ripiena Primi di terra Primi piatti

Gnocchi di patate di Bologna DOP ripieni di gorgonzola e porcini

RICETTA

Ingredienti per 4 persone

Per gli gnocchi:

Per il ripieno:

  • 150g di gorgonzola
  • 50g di funghi porcini
  • una noce di burro
  • 1 spicchio d’aglio
  • parmigiano q.b.

Per il condimento:

  • 100g burro
  • 100g pancetta
  • salvia q.b.
  • farina q.b.
  • Olio per friggere

.

Procedimento

1. Cuocere le patate in forno a 180°C per 1h avvolte singolarmente in carta stagnola. Passarle nello schiacciapatate. Aggiungere l’uovo, la farina ed impastare  velocemente fino ad ottenere un composto omogeneo. Avvolgere nella pellicola e lasciare riposare qualche minuto.

2. Pulire e tagliare i porcini. Saltarli in padella con una noce di burro ed uno spicchio d’aglio. Unirli al gorgonzola e mescolare aggiungendo un cucchiaio di parmigiano.

3. Stendere il composto degli gnocchi, ritagliare dei cerchi non troppo sottili. Disporre al centro una noce del composto di gorgonzola e porcini. Chiudere gli gnocchi e dargli la forma desiderata.

4. In una padella rosolare la pancetta tagliata e listarelle sottili, senza aggiunta di grassi (né olio, né burro) finché diventerà croccante. A parte passare le foglie di salvia in un composto di acqua fredda e farina, dalla consistenza semiliquida. Friggere quindi la salvia in un pentolino.

5. Nel frattempo lessare gli gnocchi in acqua bollente salata, scolarli e saltarli in padella con burro. Impiattare
infine condendo con la pancetta croccante e la salvia fritta.

Ricetta realizzata in collaborazione con @patatadibolognadop con il contributo dell’Unione europea, Regolamento 1144/2014. Il contenuto della presente campagna promozionale rappresenta soltanto l’opinione dell’autore che se ne assume la responsabilità esclusiva. La Commissione europea non accetta alcuna responsabilità per qualsiasi utilizzo che possa essere fatto delle informazioni ivi contenute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.